lunedì 9 marzo 2015

La trasmissione di un sapere...riflessioni libere e creative

"La matassa e il gomitolo" è sempre al lavoro e ancor di più in questo periodo trascorso non proprio "in gamba" con un gesso pesante e una gamba dolorante.

Ho avuto la possibilità di rallentare i ritmi, di non pensare all'orologio, di dedicare un po' del mio tempo alle mie amicizie davanti a un caffè, di fare un po' di ordine ma soprattutto di guardare "da che parte sto andando".

Nell'epoca del "tutti sanno fare tutto grazie a internet o Youtube" e della "fame di schemi" ho riflettuto sulla trasmissione dei saperi molto sentita soprattutto in ambito rurale e in particolare in questi paesi di montagna.

La trasmissione di un sapere è fatta di parole dialettali che spesso non corrispondo all'italiano corrente ma hanno radici profonde, men che meno ai termini inglesi del linguaggio in Rete.
La trasmissione di un sapere è fatta di gesti semplici ma efficaci.
La trasmissione di un sapere è fatta di creazioni personalizzate spesso senza schema fisso ma adattate al familiare, al bisogno o all'uso.
La trasmissione di un sapere è fatta di emozioni, ricordi che affiorano sia per chi insegna sia per chi impara.
La trasmissione di un sapere è sì tradizione ma si può rivalutare e innovare...nulla lo vieta...ma soprattutto chiede a gran voce di continuare ad essere trasmessa...come una catena che NON deve essere spezzata.
La trasmissione di un sapere deve avere rispetto e con discrezione chiede di essere rispettata.

Con questo desidero ringraziare tutte quelle persone che mi hanno trasmesso un sapere, tutti coloro che hanno rispetto per questa mia riflessione e tra le righe ne colgono il significato, tutte le persone che conosco che condividono con me la passione per il lavoro manuale.

dettaglio tallone e calcagno rinforzati


I "calzeti" che ho appena terminato mi sono stati insegnati qualche anno fa dalla mia vicina di casa Romina, hanno una "gambarola" tradizionale, un tallone con filo di rinforzo per l'usura, un calcagno "spiz" e una punta con calati a spirale sempre rinforzata per durare di più.
Sono realizzati con un gioco di ferri 3+1.

*Vale*

6 commenti:

  1. Bellissimo post e concordo con tutto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spontaneamente e' bello fermarsi a riflettere...buttato giù di getto! Grazie di cuore Cri

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Maeva...nel turbine della quotidianità e il "dare per scontato" fermarsi serve...

      Elimina
  3. Mi sento molto in linea con il tuo pensiero. Al di là delle parole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MI fa molto piacere. Buon lavoro a te...:-)

      Elimina